Blog page

L’esperienza immersiva della ricerca artistica di Giovanna Lysy , sviluppata in webVR da Carraro Lab per ICONS productions, è stata fruita dai visitatori della mostra durante il vernissage il 26 settembre 2019 nel nuovo spazio del “salotto di Milano”, in corso Venezia 7.  La soluzione webVR, che in sostanza si incentra su un sito web in Realtà Virtuale, fruibile in visori VR, ma anche su pc, smartphone e altri device digitali, si è dimostrata molto flessibile e adatta a varie modalità d’uso.

 

Vernissage virtuale

Vernissage virtuale

Proiezione e visori cardboard nella Conferenza stampa

Alla conferenza stampa  il catalogo immersivo è stato proiettato in sala, diventando un supporto fondamentale per la presentazione del percorso artistico, e provato dai giornalisti con i visori cardboard dipinti da Federica Borghi, omaggiati ai presenti, in modo che potessero successivamente esperire il catalogo in realtà virtuale  . Nella presentazione è stata poi utilizzata una videoscenografia   che sfrutta i contenuti a 360° per produrre un fondale emozionale per l’evento.

 

Visori VR cardboard personalizzati dall'artista

Visori VR cardboard personalizzati dall’artista

Il tavolo multitouch per consultare il catalogo durante il  vernissage

Durante il vernissage vero e proprio il catalogo immersivo è stato reso disponibile su un tavolo nel cuore della mostra, come un catalogo cartaceo…ma in forma interattiva. Si tratta infatti di un tavolo touchscreeen D-table, che mediante la semplice connessione a internet, trasforma il sito webVR in una esperienza interattiva e multimediale, perfetta per una presentazione, individuale o a gruppi,  del mondo dell’artista.  Ovviamente , grazie ai visori VR, il pubblico poteva sperimentare una vera e propria “immersione” nella weltanshauung di Giovanna Lysy, nella sua visione del mondo ricreata in realtà virtuale.

 

Touch screen immersivo

Touch screen immersivo

Lettura  immersiva nel web e nei social network

Il semplice link al catalogo immersivo,  https://iconsproduction.com/catalogo/shine/  permette poi ai giornalisti e al pubblico di consultarlo in internet da un qualunque PC, approfondendone i contenuti. I trailer immersivi sono stati pubblicati nei social network , sia in youtube 360  che in Facebook 360 in modo da viralizzare l’esperienza in modo essenziale, ampliandone il target.

Nel suo insieme, il catalogo immersivo  si è dimostrato di grande efficacia per intrattenere i presenti e per avvicinare alla ricerca artistica target nuovi, non necessariamente vicini all’arte contemporanea.

RASSEGNA STAMPA DELL’EVENTO

WIRED: Icons, il progetto che fonde arte, moda e tecnologia immersiva

CORRIERE INNOVAZIONE: Come nasce un’opera d’arte? Scopriamolo con un viaggio interattivo nel catalogo 3.0